BISCOTTI INTEGRALI AI FIOCCHI D’AVENA SENZA GLUTINE

BISCOTTI INTEGRALI SENZA GLUTINE: GF /VVG/ EF / MF 

Volete iniziare la giornata con il piede giusto e con la giusta energia? Allora abbiamo bisogno di una buona colazione.  Vi propongo dei biscotti croccantissimi, facili da preparare e totalmente salutari, per cominciare con il ritmo giusto la mattina, tenere a bada le calorie e perfetti anche come spuntini spezzafame, ma soprattutto senza uova, senza latte e senza burro.

INGREDIENTI:
2017-03-31 11.15.32 1

  • 150 gr. Fiocchi D’Avena SG
  • 75 gr. Farina di Sorgo
  • 75 gr. Farina di Miglio Integrale
  • 100 gr. Farina Mix-it Universal Schär
  • 1 Banana matura
  • 120 ml. Acqua
  • 50 gr. Olio di semi di Mais
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 20 ml. succo di limone
  • 80 gr. Zucchero di Canna
  • scorza grattugiata di Limone

PREPARAZIONE:

Andiamo a preparare dei biscotti senza uova, latte e burro, così da essere ideali per tutti, sia intolleranti sia per chi ha deciso di seguire un tipo di regime alimentare vegano. In una ciotola capiente schiacciate la banana con l’utilizzo di una forchetta ed aggiungete lo zucchero. Versate la farina, aggiungete i fiocchi di avena, il lievito per dolci, la scorza del limone e se volete potete integrare nei vostri biscotti scaglie di cioccolato oppure come me dei mirtilli rossi. Mescolate bene tutti gli ingredienti con il cucchiaio. Poco per volta versate l’acqua, il succo di limone e l’olio di Mais e iniziate ad impastare il tutto con le mani. Se l’impasto dovesse sembrare un po’ appiccicoso, potete unire ancora uno o due cucchiai di fiocchi d’avena per facilitare la lavorazione. Impastate con energia fino ad ottenere un composto compatto. Lasciatelo riposare in frigorifero avvolto nella pellicola per 30 minuti. A questo punto su una teglia posizionate della carta forno, con le mani raccogliete un po’ di composto, formate con le dita delle piccole sfere e schiacciatele per bene con il palmo ad appiattirle sulla teglia, ottenendo dei dischi dello spessore di mezzo centimetro. Cuocete i biscotti  in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti. Al momento di sfornarli i biscotti risulteranno ancora un pochino morbidi dato che si seccheranno raffreddandosi.; con l’aiuto di una spatola trasferiteli con delicatezza su una gratella e lasciateli freddare. I biscotti si manterranno fragranti per circa una settimana e li potrete conservare in un contenitore di vetro o di latta.

Bon Appétit

POLPETTE DI MIGLIO AL SUGO

POLPETTE DI MIGLIO AL SUGO: GF /VVG/ EF / MF 

Un altro cereale che noi celiaci possiamo introdurre senza problemi all’interno della nostra alimentazione senza glutine, è il miglio! E’ ricco di proteine e sali minerali, grande alleato della salute dei capelli e delle unghie, fornisce un buon apporto di fibre, capite bene quanto possa essere utile integrarlo soprattutto in regimi di dieta ipocalorici o comunque all’interno di una dieta varia ed equilibrata. E’ un alimento con proprietà diuretiche ed energizzanti (in quanto ricco di proteine), è un valido aiuto contro lo stress, la depressione e i sensi di spossatezza; grazie al suo buon contenuto di acido salicilico il miglio produce benefici alla pelle. Il suo sapore neutro permette di condirlo con verdure e spezie. Oggi infatti prepareremo delle buonissime polpettine, a basso contenuto calorico, al sugo e per dare una piccola sferzata al metabolismo le rendiamo un po’ piccantine.

INGREDIENTI:
wp-1490771614720.jpg

  • 150 gr. Miglio decorticato Bio
  • 80 gr. Pangrattato SG*
  • 500 ml. Polpa di Pomodoro Cirio
  • 1 spicchio d’ Aglio
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaino di curry
  • prezzemolo
  • 2 cucchiai d’Olio e.v.o
  • peperoncino secco
  • sale

 

PREPARAZIONE:

Con l’ausilio di un colino a maglia stretta, lavate bene sotto acqua corrente i semini di miglio, successivamente passate ad una breve tostatura in una pentola ed aggiungete circa 400 ml. di acqua per lessarlo (seguite le indicazioni riportate sulla confezione per i tempi di cottura), poi scolatelo bene e lasciatelo intiepidire. Trasferitelo in una ciotola ed aggiungete, qualche cucchiaio di pangrattato, il prezzemolo e le spezie, a seconda di quanto gradite il grado di piccantezza aggiungete il peperoncino e poi regolate di sale. Amalgamate il tutto, fino ad ottenere un impasto sodo ma non duro. Inumidite le con dell’olio e formate con l’impasto delle polpette di media dimensione e passatele nel pangrattato restante. Fatele appena soffriggere in una padella antiaderente con un filo d’olio e rigiratele ogni tanto. Tenetele da parte e preparate il sugo. In una padella scaldate un po’ di olio con lo spicchio d’aglio intero (così che successivamente lo possiate eliminare senza problemi), aggiungete la Polpa di Pomodoro, io amo il sapore delicato della Finissima Cirio, regolate di sale e fate cuocere qualche minuto, calate quindi le polpette nel sugo e concludete la cottura, fino a quando questo non si sarà ben ristretto.

Servite belle calde e se lo gradite aggiungete una spolverata di prezzemolo fresco tritato.

Bon Appétit!

ZUPPA DETOX DI MELA, CIPOLLE E AVENA SENZA GLUTINE

ZUPPA DETOX DI MELA, CIPOLLE E AVENA SENZA GLUTINE: GF /VVG/ EF / MF 

 

Alain Ducasse diceva che la cucina è una storia d’amore. Ed io ho sviluppato un amore incondizionato verso l’Avena. Per cui concediamoci una buona zuppa di mela verde, cipolle e questo straordinario cereale. Questa combinazione di ingredienti è un vero toccasana per ripulire l’organismo dalle tossine, in quanto l’avena è un super alimento, che fa davvero bene alla nostra salute ed alla nostra pelle, non a caso la maggior parte di creme cosmetiche sono proprio a base di avena, (esiste per l’appunto anche un’azienda che l’ha resa regina della sua linea cosmetica, nonché il suo marchio di fabbrica)  e che dovremmo assumere ogni giorno. Se la combiniamo con la mela verde e la cipolla, i suoi benefici si moltiplicano. Una delle sue innumerevoli qualità è quella di agire sul metabolismo, come eccellente regolatrice. Questa zuppa sarà un toccasana per il vostro corpo e vi aiuterà a sentirvi leggeri. Quindi fate tesoro di queste brevi informazioni ed inserite questa ricetta.

INGREDIENTI:wp-1489917242846.jpg

  • 6 cucchiai d’Avena SG
  • 1 Carota
  • 1 Cipolla
  • 1 Mela Verde
  • 100 gr Indivia Belga
  • 1 cucchiaio d’Olio e.v.o
  • Aceto balsamico
  • 300 ml Acqua
  • Prezzemolo
  • Sale 

 

PREPARAZIONE:

Prepararla è semplice ed anche veloce, in pochi passaggi otterrete una zuppa dal sapore delicatamente agrodolce. Pulite cipolla, carote e la mela, fatene una dadolata grossolana e mettetele a cuocere nell’acqua precedentemente portata ad ebollizione; regolate di sale e fate cuocere per circa 20 minuti (dovranno cuocere fino a quando non saranno quasi sfatti). Nel frattempo pulite l’indivia belga e tagliatela in senso verticale; in una padella antiaderente fate soffriggere l’olio, aggiungete l’indivia, salatela e fatela croccare. Versate un cucchiaio di aceto balsamico e lasciatela cucinare, girandola ogni tano. Con l’aiuto del mixer ad immersione frullate la mela, la cipolla e la carota, che a questo punto saranno ormai cotte, fino ad ottenere una cremosa vellutata (se la volete molto densa fatela restringere qualche minuto sul fuoco, in ogni caso contate che l’aggiunta successivamente dell’avena, contribuirà ad ottenere una zuppa piuttosto corposa e non liquida); aggiungere l’avena e lasciare cuocere per circa 6 minuti ( a seconda del tipo di avena che andate ad utilizzare, controllate i minuti di cottura di questa). Per la ricetta io ho utilizzato Oat Free Form Tesco . Mescolate bene per evitare che vi si formino grumi e che l’avena si attacchi al fondo della pentola. Servite la zuppa calda con l’indivia croccante ed una spolverata di prezzemolo fresco.

Bon Appétit!

MEDAGLIONI VEGGIE DI TOFU, ZUCCA E BROCCOLI AL TIMO COTTI AL FORNO SENZA GLUTINE

MEDAGLIONI TOFU, ZUCCA E BROCCOLI AROMATIZZATI AL TIMO: GF /VVG/ EF / MF 

Era da un po’ che non aggiornavo il blog, ma tanti impegni, le feste in casa del periodo natalizio, insomma mi hanno tenuta lontano dagli aggiornamenti culinari, ma adesso sono tornata!!! E con i buoni propositi del 2017 cominciamo con una sessione di ricette vegetariane; no non sono vegana/vegetariana, però apprezzo molte di queste ricette ed ingredienti, che sostengo essere valide alternative per variare quanto più possibile la mia dieta. Credo che l’errore che comunemente facciamo tutti nel nostro regime alimentare, sia quello di diventare piuttosto statici, come se avessimo bisogno di conferme fisse nella vita. Per cui Tofu! Bistrattato da molti, io stessa ammetto di non esserne mai stata una grande sostenitrice, soprattutto per la sua totale assenza di sapore, ma davvero singolare è la sua capacità dell’ assorbire i sapori e le fragranze delle pietanze con le quali viene cucinato. Una variante proteica leggera a basso contenuto di grassi, che viene incontro a chi è in dieta e del petto di pollo alla piastra non ne può più.
Ciò che vi propongo sono dei medaglioni leggeri e gustosi, ottimi mangiati anche l’indomani freddi.

INGREDIENTI:20170226_203522

  • 200 gr. Zucca Gialla
  • 25o gr. Tofu al naturale
  • 200 gr. Broccoletti
  • 100 gr. Pangrattato SG
  • 1 cucchiaino di Timo
  • Sale
  • Pepe
  • Olio e.v.o.

 

PREPARAZIONE:

Per la preparazione dei Medaglioni, iniziamo lavando la zucca ed eliminando la buccia. Tagliamo la polpa a fettine più o meno spesse 1 cm e disponiamole in una placca ricoperta da carta forno; mondiamo e laviamo i broccoletti ed adagiamo anche loro nella placca. Inforniamo a 180° per alcuni minuti, giusto il tempo di ammorbidire la polpa delle verdure e nel mentre avremo il forno già caldo per successivamente cuocere i nostri medaglioni. Una volta cotte le nostre verdure lasciamole intiepidire e con l’ausilio del mixer da cucina, in una ciotola frulliamo grossolanamente la zucca ed i broccoli. Aggiungiamo il Tofu sbriciolato a mano (è un’operazione davvero facile da eseguire, in quanto il tofu pur essendo compatto è molto morbido e friabile), il Timo, uniamo sale, pepe nero e qualche cucchiaio di pangrattato senza glutine mescoliamo il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato. Lasciamo riposare il composto in frigorifero per circa 20 minuti, dopodiché  andiamo a dare forma il più possibile regolare ai nostri medaglioni e passiamoli successivamente in una ciotola con il pangrattato. Sistemiamoli su un foglio di carta forno e versate a filo l’olio e.v.o, non eccedete ma mettetene giusto un po’ per permettere all’impanatura di dorarsi così bene in forno. Cuociamo in forno ventilato già caldo a 200° per 15 minuti, poi giriamoli delicatamente, fate attenzione perchè da caldi sono piuttosto morbidi e facili da rompere e terminiamo la cottura per altri 5 minuti. Devono apparire ben dorati e la panatura croccante. Estraiamo dal forno e lasciamo intiepidire prima di servire.

Bon Appétit!

​TORRETTA DI MELANZANE E VERDURE

TORRETTA DI MELANZANE E VERDURE GFEF / MF

Oggi vi propongo una ricetta per un antipasto veloce;sfizioso e saporito, adatto a noi celiaci. Estremamente semplice da realizzare ideali da preparare aggiungono un tocco di brio e vivacità alla vostra tavola. Oltre come antipasto possono essere servite anche come  contorno a secondi piatti di carne o di pesce.

INGREDIENTI:wp-image-1738537883jpg.jpg

  • 2 Melanzane
  • 1 Peperone rosso
  • 1 Carota
  • 50 gr.Fagiolino
  • 60 gr. Gorgonzola dolce
  • 1 cucchiaio Olio evo
  • Sale e Pepe

 

PREPARAZIONE :

Mondate e sbollentate il fagiolino, pelate la carota e tagliatela a fiammifero e lessatele in acqua leggermente salata. Tagliate il peperone a cubetti ed affettate le melanzane con fette spesse 4-5 mm. Scolate il fagiolino e le carote, tritate il cipollotto e fatelo rosolare, aggiungete i cubetti di peperone e lasciatelo appassire per qualche minuto, salatelo ed in seguito aggiungete il fagiolino, un pizzico di pepe e le carote e spadellatele per 5 minuti. Grigliate le fette di melanzana  e salatele da ambo le parti.

Adesso andiamo a comporre la nostra torretta: in un piatto adagiate una prima fetta di melanzana e spalmate il gorgonzola, adagiate una cucchiaiata di verdure e proseguite il procedimento per strati fino ad ultimare con un’ultima cucchiaiata di verdure. Servite la torretta tiepida.

Bon Appétit!

FOCACCIA SENZA GLUTINE

FOCACCIA SENZA GLUTINE : GF /VVG/ EF / MF 

La focaccia, tra i panificati, è uno dei miei alimenti preferiti, fragrante morbida, ottima per accompagnare i salumi durante un aperitivo ed eccezionale anche da sola. Premetto che io non sono uno chef, ma una persona che come voi che si destreggia in cucina, dividendosi tra i vari impegni quotidiani ed anche una buona forchetta, quindi non mi accontento e cerco di far conciliare i miei impegni quotidiani senza però fare rinunce culinarie!
Quando si ha a che fare con problemi di intolleranze alimentari, bisogna anzitutto avere tanta pazienza e non lasciarsi scoraggiare dal “questo non posso mangiarlo” perchè sebbene tanti preparati dobbiamo eliminarli, altrettanti possiamo liberamente gustarli.
Certo non è facile, soprattutto per chi ha davvero poco tempo, mettersi nella concezione del “cucino tutto da me” e ve lo dice una che di tempo a disposizione ne ha davvero poco; basta però semplicemente organizzarsi.
La ricetta che vi dedico oggi è quella di una gustosissima focaccia, che richiede davvero poco tempo di preparazione e pochissimi ingredienti.

INGREDIENTI:wp-1480415400902.jpg

  • 1000 gr. Farina Schar Mix-it SG
  • 25 gr. Lievito di Birra
  • 800 ml Acqua tiepida
  • 6 cucchiai Olio di semi di Girasole
  • Sale
  • Olive
  • Cipolla
  • Origano

 

PREPARAZIONE:

In una ciotola, miscelare la farina insieme ad una presa di sale (una regola d’oro per la preparazione degli impasti, soprattutto quelli senza glutine da dover sempre tenere a mente è MAI FAR ENTRARE IMMEDIATAMENTE IN CONTATTO LIEVITO E SALE! Il sale uccide il lievito, nel senso che ne inibisce il processo della lievitazione; e seconda regola fondamentale è quella di scegliere sempre il lievito fresco piuttosto che quello secco). Aggiungete l’acqua alla farina e mettete a sciogliere in un bicchiere il cubetto di lievito in acqua tiepida, dopodiché aggiungerlo all’impasto.

Ora comincia la fase divertente: impastare il pane  a mano con questa miscela è pressoché impossibile; l’impasto risulta molto colloso e poco denso da permettere di impastare il pane a mano….Moltissime cuochine,  dalla cucina più preparata della mia, utilizzano Bimby, planetarie, impastatrici…Beh io tutti questi utensili alla moda non li ho, ma, così come la maggior parte di noi comuni mortali, ho una comodissima e banalissima frusta elettrica! Se avete le fruste per impastare (solitamente vengono date in dotazione quando comprate l’economo elettrodomestico, per intenderci hanno una forma a spirale e quasi nella maggior parte dei casi vengono abbandonate nel cassetto) utilizzate quelle per non sovraccaricare l’elettrodomestico nello sforzo dell’impastare.

Aggiungete l’olio a filo (6 cucchiai a filo mentre impasto, “come fare?” direte voi, vi basti versare preventivamente il quantitativo di olio in un bicchiere e durante la lavorazione con le fruste, farlo colare a filo con la mano libera), ed impastare per 5 minuti fino a che non risulti omogeneo e senza grumi.

Nella placca forno rettangolare, distendere dei fogli di carta forno e versare l’impasto; con l’aiuto di un Leccapentole in silicone (o di una comoda spatola) aiutatevi a distendere tutto il composto e a livellarlo nella placca forno. Mettete a questo punto un altro foglio di carta forno a riparare l’impasto ed adagiate una coperta per lasciare che questo lieviti per 30 minuti. (Non dovete sigillare l’impasto ma solo proteggerlo da un eventuale contatto diretto con la coperta, inoltre l’impasto risulta appiccicoso quindi con la carta forno vi risulterà più semplice la rimozione una volta lievitato)

Preriscaldare il forno a 220°; trascorso il tempo la vostra focaccia sarà bella cresciuta e lievitata, non vi resta che spennellarla con dell’olio d’oliva se volete una bella patina croccante e dorata, spolverare con una presa di sale e origano la superficie e se gradite aggiungere olive e cipolla, facendo cura di farli penetrare appena nell’impasto, aiutandovi ad immergerli con la punta di un coltello, se invece la preferite nel modo classico ricordate di ricreare le fossette sulla superficie (ungetevi la punta delle dita con dell’olio d’oliva e affossatele appena nell’impasto). Infornate (a forno ventilato, disponendo la placca a metà altezza) per 50 minuti.  A fine cottura rimuovete la focaccia dalla placca e lasciate raffreddare su una gratella.

Bon Appétit!

Se avete dei dubbi o volete condividere con me la vostra esperienza, lasciate pure un commento, sarò ben lieta di rispondervi.

PS: Oltre alla celiachia, ho sviluppato l’allergia al grano, orzo, farro ed al grano saraceno; per cui non troverete mai fra le mie ricette, ad esempio, la farina di grano deglutinato, che ho scoperto per molte altre essere una vera e propria rivelazione in cucina, soprattutto per gli impasti dei panificati….ma per me è la morte!!

TIRAMISU’ SENZA GLUTINE ALLE FRAGOLE

TIRAMISU’ ALLE FRAGOLE : GF / EF / MF 

Il tiramisù è un dolce classico della nostra cultura gastronomica; le cui origini (annoverate intorno gli anni’70) sono da sempre dibattute fra le regioni del Nord Italia, dalla consistenza, morbida e cremosa. Ma torniamo alla ricetta; velocissimo da preparare e con un sapore accattivante e delicato, perfetto connubio è quello del mascarpone  con le fragole che rende questo dolce è un vero e proprio salvavita, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione.

wp-1479849717223.jpg

INGREDIENTI:
  • 300 g di Savoiardi GF (io consiglio i Savoiardi della Schär)
  • 250 g di Mascarpone Senza Lattosio
  • 50 g di zucchero
  • 300 g di fragile
  • 2 cucchiai di Liquore Cointreau o del Marsala andrà benissimo
  • 100 ml di succo di succo d’arancia

PREPARAZIONE:

In una ciotola capiente versate lo zucchero ed il mascarpone e mescolate il tutto fino ad ottenere un composto molto vellutato, ; potete aiutarvi con una frusta a mano o con quelle elettriche montandolo per un paio di minuti. Lavate le fragole e tagliatele metà delle fragole a vostra disposizione a fettine sottili, mentre le altre, per mezzo del mix da cucina, andranno rese a purea. Una volta portato a termine questo passaggio, in un piatto fondo versate il succo di frutta insieme al liquore  ed inzuppate per qualche secondo i savoiardi. Adagiateli in una pirofila rettangolare o in delle coppette separate e ricoprite il primo strato di biscotti con qualche cucchiaio di purea di fragole, il mascarpone e le fragole tagliate. Inzuppate altri savoiardi e adagiateli sul primo strato. (Non vi preoccupate di inzuppare molto i savoiardi, poiché assorbono parecchio il liquido e si rischia di avere un effetto purea successivamente)
Proseguite alternando strati di savoiardi e strati di crema e fragole fino ad esaurimento degli ingredienti. Mettete il tiramisù alle fragole in frigorifero per almeno 4 ore e prima di servirlo decoratelo con qualche fragola integra.

Bon Appétit!